banners/foto_arte_cultura_1.jpg

Arte e cultura

Arte e cultura

Biblioteca Planettiana

1453. La caduta di Costantinopoli

Una narrazione tra storia e spettacolo

- 11 maggio 2018 

Orario: 21.00

Teatro Il Piccolo di San Giuseppe


1453. La caduta di Costantinopoli
1453. La caduta di Costantinopoli

“Alle una e trenta del 29 maggio 1453 scatta l’assalto finale alle mura di Costantinopoli. Quella che è stata la capitale dell’Impero Romano d’Oriente, la continuatrice di una storia ultra millenaria che ha le radici nella Roma fondata da Romolo il 21 aprile 753 a.c., regna ormai su un territorio minuscolo, circondata dalla potenza crescente dei Turchi ottomani.

Nonostante le mura possenti della città abbiano retto a innumerevoli assedi, ora l’imperatore Costantino XI è consapevole che la difesa, affidata a un pugno di Greci e Latini, tra cui spiccano Genovesi e Veneziani, è disperata.

Il giovane avversario, il Sultano Maometto II, dispone di una grande flotta, di un esercito numeroso e agguerrito e soprattutto di un’imponente artiglieria. Ma soprattutto sa che la sua preda, che vuole diventi la nuova e prestigiosa capitale del suo Impero, è l’ultimo ostacolo che si frappone ai piani di conquista dell’Europa.

Dopo un intenso fuoco degli obici, tre ondate successive di soldati –prima i volontari bashi buzuk, poi i regolari anatolici ed europei e infine i temibili giannizzeri- si abbattono contro le diroccate mura della città.

Dopo che il comandante della difesa, il genovese Giustiniani è ferito a morte ed è costretto ad abbandonare la battaglia, lo stesso imperatore si getta eroicamente contro la marea umana che sta valicando le mura…”

Sono gli ultimi passi di una vicenda che un moderno Narratore, dopo aver tracciato le linee fondamentale di oltre venti secoli di storia, porta al pubblico, mentre una Narratrice bizantina, Costantino XI e Maometto II si alternano sul palco tra coreografie, slide e spezzoni filmati accompagnati da musiche struggenti, nel pieno rispetto della realtà storica.

La realizzazione di questa narrazione-spettacolo è opera del team di Mediterraneo Plurale, associazione impegnata nello studio delle culture dei Paesi appartenenti all’area del Mediterraneo o ad essa legati da profonde relazioni storiche.

L’associazione afferma la centralità del metodo storico-critico nell’analisi delle diverse realtà che formano il “mosaico mediterraneo” e dei processi storici che hanno segnato il loro sviluppo e le loro relazioni.

Particolare attenzione è data dalla promozione dei diritti umani, dell’uguaglianza tra uomini e donne, della libertà religiosa e della laicità in tutta l’area del Mediterraneo, temi cruciali per una riflessione condivisa sul contributo fornito alla costruzione di un mondo più aperto e più consapevole.

Per realizzare le sue finalità, l’associazione organizza e promuove seminari, convegni, manifestazioni, produzioni artistiche con una modalità comunicativa che è quella della narrazione-spettacolo, un linguaggio che consente di mantenere profondo e diffuso il livello di interesse, di attenzione e di piacere rispetto agli argomenti affrontati. Un format in cui si coniugano recitazione, conferenza e reading, spettacolo e didattica.

“1453”, apre una trilogia dedicata agli episodi militari di maggior impatto emotivo, se non strategico, che hanno segnato il confronto tra l’Impero ottomano e l’Europa. Seguiranno quindi eventi dedicati allo scontro navale di Lepanto, aspro ma politicamente non determinante, e al secondo assedio di Vienna che segna l’inizio del riflusso della potenza ottomana.

Stefano Cosimi


Ingresso: € 8,00

  • Per informazioni:
XHTML 1.1 valido CSS valido Dichiarazione di accessibilità